Schiuma - La Scatola Nera blog letterario

Lei correva sulla spiaggia, lasciava piccole impronte sulla sabbia che sembravano occhi di cui l’oceano cancellava lo sguardo, e cantava a squarciagola mentre il vento le riempiva la bocca.

Lui raccoglieva sassi e li lanciava con forza contro l’orizzonte, mentre le risate dei gabbiani riecheggiavano nell’aria salmastra.

– Andiamo al molo?
– Dai!

In un attimo arrivarono al molo dove decine di blocchi di pietra si accatastavano come rimpianti e le correnti formavano vortici nell’acqua. Si sedettero ai bordi, con le gambe penzoloni, e si misero a osservare la schiuma bianca che si accumulava sulla spiaggia e lentamente svaporava per il calore del sole. Appartenevano alla setta dei grandi smemorati, quelli che vivono sulle sponde dei mari sconfinati e si stringono le mani mentre ascoltano i ricordi di un frammento di vetro levigato dall’acqua o quelli di una foglia che galleggia.

© Rodolfo Veneziani

Seguimi su Facebook

Altri testi